La crisi tra Stati Uniti e Iran

L’uccisione di un importante generale dell’esercito iraniano da parte degli Stati Uniti complica ulteriormente la già difficile situazione mediorientale. Adesso il solco tra Stati Uniti e Iran con i rispettivi alleati nella regione è diventato ancora più profondo e c’è il rischio concreto che lo scenario possa presto peggiorare ulteriormente.

E dire che soltanto pochi anni fa, nel 2015, l’Iran aveva firmato un importante accordo con gli Stati Uniti, l’Unione Europea e altre nazioni con cui accettava il controllo delle sue attività nucleari, rinunciando quindi a costruire la bomba atomica. Quell’accordo è la dimostrazione di quanto di positivo si possa fare quando le parti moderate di due o più Paesi contrapposti lavorano insieme.

Ora la collaborazione che era stata raggiunta faticosamente è purtroppo lontana. In questi giorni l’Iran ha già dichiarato di voler lasciare l’accordo sul nucleare, dopo che  gli Stati Uniti lo avevano già fatto nel 2018. Ciò significa che l’Iran può ricominciare a costruire la bomba atomica e, se anche non ci riuscisse, ritorna comunque ad essere una forte minaccia soprattutto per Israele, il principale alleato americano della regione. L’auspicio è che proprio adesso tutte le parti in causa mostrino moderazione e la volontà di cercare la via del dialogo.

Armando Guida

0 comment
0

Puó anche interessarti

Leave a Comment

Istro utilizza cookie per fornire la necessaria funzionalità del sito e migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione su questo sito, accetti la nostra Privacy Policy e l'informativa sui Cookies Accetto Leggi di piu'

Privacy Policy & Cookies