COSA SONO LE TERAPIE VIBRAZIONALI

Al solito, indaghiamo e vediamo dove si trova l’equilibrio. 

Punto di partenza è che la medicina tradizionale è basilare.

Se una persona sta male, la prima cosa che vede fare è andare dal proprio medico curante o in ospedale (a seconda delle circostanze): è fondamentale capire cosa abbiamo da questo punto di vista.

Una volta appurato ciò, possiamo cercare un’opinione dal punto di vista della medicina vibrazionale o alternativa. Sì, perchè di punti di vista si tratta.

O meglio, è diverso l’approccio che la medicina tradizionale e quella alternativa e/o vibrazionale hanno verso la malattia.

Chiariamo meglio il concetto facendo un esempio. La notte, mentre dormo, mi sveglio dal dolore causato da improvvisi crampi al polpaccio della gamba: il dolore è così intenso che servono 10 o 15 minuti affinché si attenui e poi, seppure con difficoltà, riesco a riaddormentarmi, anche se oramai la qualità del sonno è venuta meno. E questi episodi si ripetono quasi ogni notte da oltre una settimana. Il medico curante al quale mi rivolgo avrà già sentito molti casi simili, dicendo:”.. è lo stress, …dipende se ultimamente fai dell’attività fisica, …dall’alimentazione… “ e mi prescrive degli integratori di magnesio per alcune settimane, di massaggiare il polpaccio se il crampo si ripresenta e dice che nel giro di qualche settimana dovrebbe sparire.

Quindi, ha elaborato un’analisi in base al sintomo che ho descritto.

Ora vediamo la stessa situazione dal punto di vista della medicina alternativa e/o vibrazionale, omeopatica per la precisione. 

Vado dal terapista omeopatico (che può essere medico come no, cioè può avere la laurea in medicina oppure no) e gli descrivo la stessa situazione: “…La notte, mentre dormo, mi sveglio dal dolore causato da improvvisi crampi al polpaccio della gamba: il dolore è così intenso che servono 10 o 15 minuti affinchè si attenui e poi, seppure con difficoltà, riesco a riaddormentarmi, anche se oramai la qualità del sonno è venuta meno…” A questo punto il terapista omeopatico mi rivolge delle domande che sembrano fuori posto, tipo:”…che tipo di corporatura ho?… Tendo ad ingrassare facilmente?… Che tipo di carattere ho: mite o ultimamente sono facilmente irritabile? … Dove compaiono più spesso i crampi, sul lato destro o sinistro del corpo?… Trovo sollievo nel massaggiare la zona col crampo oppure stando sdraiata e mantenedo la gamba alzata?… Mi ritrovo un retrogusto metallico in bocca e ho le labbra talmente secche secche da inumidirle in continuazione con la lingua così spesso da sembrare un serpente che sibila senza interruzione?…”

A questo punto sono spiazzata: pensavo che i crampi al polpaccio fossero uguali per tutti e che riduzione dello stress, integratori ed alimentazione fossero sufficienti.

Al chè rifletto sulle risposte da dare e, una volte dette, chiedo al terapista omeopatico cosa hanno a che vedere quelle domande con il mio disturbo.  E qui mi si pone davanti agli occhi un altro punto di vista.

Dice il terapista omeopatico:

“… un sintomo, un disturbo fisico è sinonimo che qualcosa nel nostro corpo non funziona a dovere.

Quindi SINTOMO = MALATTIA = PROBLEMA NEL CORPO.

La medicina tradizionale cerca di eliminare il sintomo. Ad esempio prendiamo un’aspirina  per mitigare il mal di testa, un antinfiammatorio per alleviare un dolore muscolare o un dente che duole, e così via. Ma quale è stato il motivo che ha causato il mal di testa? Lo stress? La tensione? La discussione avuta con il collega? L’aria condizionata?

Il dottore tradizionale dirà allora di ridurre lo stress,  di abbassare o spegnere del tutto il tifone generato dall’aria condizionata e di essere accomodanti col collega.

La medicina vibrazionale sostiene invece che un sintomo altro non è che la manifestazione di un disequilibrio energetico.

Quindi SINTOMO = PROBLEMA NEL CAMPO ENERGETICO CHE SI RIFLETTE NEL CORPO…

Alle parole CAMPO ENERGETICO nella mia mente scatta un allarme. Cosa significa campo energetico? Che se stringo in mano una lampadina questa si accende?

Allora il terapista omeopatico, dopo un sospiro di pazienza, mi dice: “…Noi siamo fatti di atomi. Questo è una certezza, un dato di fatto ed un punto di partenza. Questi atomi non sono statici, cioè fermi ed immobili come il cemento armato. No. Sono composti da elettroni che, proprio come i pianeti intorno al sole, girano intorno al nucleo dell’atomo, a sua volta composto da protoni e neutroni. Inoltre gli elettroni sono trattenuti da una forza estremamente resistente che non permette loro di separarsi dalle altri parti dell’atomo.

Quindi NOSTRO CORPO = MATERIA + ENERGIA che si intrecciano tra di loro e si equivalgono, cioè hanno entrambi la stessa importanza.

Non solo.

Albert Einstein si rese conto di ciò e stabilì la famosa equazione sulla relatività E=mc2, cioè “Energia=massa X velocità della luce nel vuoto al quadrato (2)”. Cosa significa in parole povere?

Che tutto, ma proprio tutto, incluso il nostro corpo, è fatto di energia che non si può distruggere, ma solo cambiare di stato. Cercando di rendere il concetto ancora più semplice, vuol dire che tutto, ma proprio tutto, incluso il nostro corpo, è composto da atomi che si muovono a diverse velocità. Queste velocità determinano lo stato della materia: ad esempio esistono cose estremamente immobili, come il cemento, cose meno “dure”, come ad esempio il nostro corpo, cose ancora più leggere e impalpabili, come l’acqua e l’aria che respiriamo.

Altro dato di fatto, punto fermo, è che quando gli elettroni si muovono, lo fanno ad una determinata frequenza: ciò significa che gli atomi non sono fermi, ma sono in continuo movimento e quindi vibrano.

Quindi ELETTRONI = ENERGIA = MOVIMENTO = VIBRAZIONI

Ed è qui la sostanziale differenza tra medicina tradizionale da una parte e medicina alternativa e/o vibrazionale e/o omeopatica dall’altra.

La medicina tradizionale non si cura dell’energia e delle vibrazioni.

La medicina alternativa e/o vibrazionale e/o omeopatica sì, anzi si basa sulle vibrazioni e frequenze dell’energia di cui siamo composti.

Tutto qui. Quindi la medicina tradizionale si cura solo degli atomi, degli organi, delle malattie e dei sintomi.

La medicina alternativa considera il sintomo e la malattia come il risultato di uno squilibrio dell’energia e delle vibrazioni di cui siamo composti.

Cioè, se stiamo male, vuol dire che le vibrazioni che emettiamo sono ostacolate in qualche modo, e allora si crea uno squilibrio energetico; questo squlibrio energetico, col passare del tempo, si manifesta sul piano fisico ed è in quel momento che diventa sintomo e malattia.

Medicina tradizionale:  ATOMI = MALATTIA = SINTOMO

Medicina alternativa:    ATOMI = ENERGIA  = VIBRAZIONI = SQUILIBRIO = MALATTIA = SINTOMO

La medicina tradizionale non contempla il discorso energia+vibrazioni+squilibrio, ed agisce solo sulla malattia e sintomo.

Quella alternativa si concentra solo su energia+vibrazioni+energia per poter risolvere malattia e sintomo.

A questo punto ci possiamo chiedere: ma quale delle due è corretta? Quale delle due devo usare per curarmi? Bella domanda.

L’ideale è rivolgersi ad un dottore della medicina tradizionale che consideri anche l’energia, le vibrazioni e gli eventuali squilibri, oltra che alla malattia e ai sintomi.

Qualora ciò non fosse possibile, per qualsiasi motivo di salute e’ necessario rivolgersi ad un medico tradizionale e chiarire cosa abbiamo, se è grave o meno, se curabile e come.

Poi, in base alla diagnosi, possiamo affiancare la medicina alternativa per supportare ed aiutare quella tradizionale.

La medicina alternativa, se siamo seriamente malati, non dovrebbe mai essere usata da sola: andrebbe usata da sola solo se siamo in perfetta salute, perchè ci permette di continuare a mantenerla.

E’ difficile fare prevenzione con la medicina tradizionale: le medicine in circolazione sono soprattutto per curare sintomi di malattie e le malattie.

Ma se siamo in salute, possiamo aiutare il nostro corpo a mantenere l’equilibrio energetico tramite la medicina alternativa, visto che è l’unica a considerare ENERGIA+VIBRAZIONI+SQUILIBRIO.

Lorena Guida

Foto in questo articolo: autore Istro

0 comment
0

Puó anche interessarti

Leave a Comment

Istro utilizza cookie per fornire la necessaria funzionalità del sito e migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione su questo sito, accetti la nostra Privacy Policy e l'informativa sui Cookies Accetto Leggi di piu'

Privacy Policy & Cookies